Non categorizzato

Ecco alcune considerazioni sui costi, vantaggi e svantaggi dell'uso dei droni per l'agricoltura Costi - I costi globali dei droni hanno subito un interessate sviluppo, da parecchie centinaia di migliaia di dollari (Yamaha's RMAX - l' UAV non militare che ha fatto storia) a decine di migliaia di dollari adeguandosi al mercato consumer (mediamente con un costo di circa 1000-2000$ / KG per i droni commerciali), mentre le prestazioni delle batterie stanno migliorando. Ciò rende i droni più accessibili in termini di costo e autonomia. - Tuttavia, potrebbe esserci una lista di attesa per l'acquisto di componenti ad alto livello tecnologico, specialmente per i prodotti provenienti dalla Cina. Vantaggi: - I droni offrono un'elevata precisione nella distribuzione dei pesticidi, riducendo gli sprechi e minimizzando la deriva del prodotto. - Grazie alle loro capacità di volo e manovrabilità, i droni possono raggiungere facilmente le aree con foglie fitte, come quelle delle viti, garantendo una copertura uniforme. - L'uso dei droni consente una gestione mirata delle colture, riducendo l'uso eccessivo di pesticidi e migliorando l'efficienza dell'agricoltura. - I droni possono ridurre l'impatto ambientale, utilizzando quantità ridotte di acqua e prodotti chimici durante la spruzzatura. - Inoltre, l'uso dei droni può aiutare a superare le sfide legate alla manodopera agricola, automatizzando compiti come la spruzzatura dei pesticidi. Svantaggi: - Le normative e le leggi obsolete possono rappresentare un ostacolo per l'adozione diffusa dei droni nell'agricoltura. È necessario un adeguamento normativo che tenga conto delle potenzialità dei droni. - Le strutture di certificazione e omologazione potrebbero non essere completamente adeguate per la valutazione dei droni agricoli avanzati. - La mentalità conservatrice e lenta ad adottare nuove tecnologie da parte degli agricoltori possono rappresentare un ostacolo per l'adozione dei droni. Questi aspetti evidenziano una prospettiva più positiva e ottimistica sull'uso dei droni per l'agricoltura, concentrandosi sui vantaggi significativi e sui progressi tecnologici, mentre si riconoscono le sfide che devono ancora essere affrontate....

Droni in agricoltura   https://youtu.be/KBr-if65hGA Introduzione storiografica: I. Contesto industriale (I) Dai "droni per la protezione delle piante" ai "droni agricoli" Già nel 1987, la Yamaha in Giappone sviluppò il primo drone per la protezione delle piante al mondo e lo mise in vendita in quantità limitate l'anno successivo. Oggi, oltre il 20% dei quasi 5 milioni di ettari di terreni coltivabili in Giappone utilizza droni per la protezione delle piante per controllare parassiti e infestanti. I droni sono diventati una misura importante di tecnologia per la protezione delle piante in Giappone. I droni per la protezione delle piante in Cina hanno iniziato a svilupparsi nel 2007 e nel 2010 il drone per la protezione delle piante a singolo rotore e alimentato a benzina 3CD-10 prodotto da Wuxi Hanhe Aviation è stato esposto per la prima volta alla Fiera Nazionale delle Macchine Agricole. Questo è stato il primo drone di questo tipo venduto in Cina, aprendo la strada alla commercializzazione dei droni per la protezione delle piante nel paese. Nel 2012, DJI applicò la sua tecnologia superiore dei droni all'agricoltura e fondò DJI Agriculture nel 2015 con il lancio del modello MG-. Nel 2015, XAG lanciò i suoi droni per la protezione delle piante e fondò XAG Agricultural Services. Oggi diverse aziende di droni si dedicano a fornire soluzioni agricole basate sulla tecnologia dei droni per stimolare l'innovazione e il progresso nell'agricoltura globale. Con lo sviluppo rapido dei droni per la protezione delle piante, sono stati creati prodotti sempre più intelligenti per soddisfare una gamma più ampia di esigenze e applicazioni. Oltre alla spruzzatura di pesticidi, i droni per la protezione delle piante possono anche diffondere fertilizzanti, semi e mangimi. Di conseguenza, il termine "droni per la protezione delle piante" sta gradualmente venendo sostituito dal termine più ampio di "droni agricoli". Figura 1: I droni agricoli rappresentano il futuro dell'agricoltura Il 2021 è stato un anno di rapido sviluppo dei droni agricoli in tutto il mondo, con un salto quantitativo rispetto al 2020 in termini del numero totale di droni e delle aree di utilizzo. I droni sono particolarmente adatti a scenari in cui è difficile accedere al terreno con macchine manuali e a terra, come risaie, colture di paglia alte e terreni montuosi. Nell'Asia sudorientale, dove il riso è una coltura principale, i droni stanno guadagnando sempre più riconoscimento da parte degli agricoltori. Le operazioni sono cresciute rapidamente, poiché i droni agricoli sono adatti per seminare campi di riso e controllare parassiti durante tutto il ciclo di crescita della coltura. L'applicazione dei droni agricoli in terreni pianeggContinuazione: come i campi di grano e riso sta guadagnando rapidamente popolarità, e con il continuo miglioramento della tecnologia, l'applicazione si è estesa anche a scenari complessi come i frutteti collinari. Figura 2: evoluzione globale dei droni agricoli 2000: Yamaha crea il primo drone agricolo, il R-50, per l'analisi dei campi e la mappatura delle colture. 2005: Introduzione dei primi droni agricoli per il monitoraggio dei campi. 2008: Aumento dell'uso dei droni per raccogliere dati agricoli essenziali. 2010: Maggiore adozione di droni per il monitoraggio delle condizioni delle colture. 2012: I droni iniziano a essere utilizzati per la mappatura dei campi e la gestione delle colture. 2013: Introduzione di droni in grado di rilevare malattie delle piante. 2015: Utilizzo diffuso di droni per il monitoraggio delle malattie e delle infestazioni di parassiti. 2016: Regolamentazione dei primi droni agricoli spruzzatori per la distribuzione di fertilizzanti e pesticidi. 2017: Miglioramenti nella precisione dei droni spruzzatori. 2018: Crescita dell'adozione dei droni spruzzatori in agricoltura. 2019: Introduzione di droni agricoli più avanzati con sensori e sistemi di controllo migliorati. 2020: Aumento dell'adozione di droni agricoli avanzati a livello globale. 2021: XAG introduce il modello P100 con capacità di carico utile di 40 kg, utilizzato per irrorazione, concimazione e semina in modo autonomo​​. 2022: Diffusione di droni agricoli avanzati nella viticoltura. 2023: I droni contribuiscono alla gestione delle malattie fungine nelle vigne, in particolare in Svizzera e nord Italia con i droni XAG P100. 2024: Continua l'evoluzione tecnologica dei droni agricoli per una distribuzione più ampia e precisa di liquidi. In Europa, molti vigneti si trovano su terreni montuosi ripidi dove le macchine a terra non sono disponibili, quindi la maggior parte dei lavori viene fatta a mano, con costi di lavoro e tempo elevati. A Hallau, nel Canton Sciaffusa nel nord della Svizzera, la conservazione delle pratiche agricole tradizionali rappresenta anche una sfida per una gestione efficiente dei vigneti locali. Per garantire i raccolti, i gestori dei vigneti spruzzano pesticidi ogni stagione. In passato, questo lavoro veniva svolto principalmente manualmente da lavoratori assunti in un processo inefficiente e fisicamente impegnativo. La stagione di crescita richiedeva tipicamente 8-10 trattamenti, ciascuno dei quali richiedeva più di 10 giorni, e se non veniva effettuato tempestivamente, la muffa delle uve poteva influenzare la produzione di vino di una stagione e il raccolto, nonché il reddito del vigneto per gli anni a venire. Figura 3: Operazione di spruzzatura con drone agricolo sulle montagne della Svizzera Hallau si trova nella regione montuosa del nord, il cui terreno rappresentava una sfida per i veicoli a terra. Su alcuni pendii ripidi, un veicolo poteva facilmente ribaltarsi, mettendo a rischio la sicurezza del conducente. L'utilizzo dei droni per la gestione per mantenere al massimo l'ecologia originale dei vigneti è un nuovo tentativo di integrare la cultura tradizionale del vigneto locale con la tecnologia moderna. È stata anche la prima volta che l'equipaggiamento agricolo intelligente cinese è entrato nella produzione agricola locale in Svizzera. Figura 4: Droni agricoli in azione nei vigneti di montagna svizzeri (II) Principali preoccupazioni per lo sviluppo dell'industria 1. Regolamentazione e politica I droni agricoli, come suggerisce il nome, sono droni utilizzati nell'agricoltura. La loro finalità li inserisce nella categoria delle attrezzature agricole, che sono gestite dal dipartimento agricolo; quando spruzzano pesticidi, presentano potenziali rischi ambientali, che sono gestiti dal dipartimento per la protezione dell'ambiente. Allo stesso tempo, le loro caratteristiche operative appartengono alla categoria degli aeromobili ed sono gestite dall'autorità dell'aviazione civile. Questa caratteristica dei droni agricoli, che è gestita da più autorità, porta al fatto che le leggi e le politiche giocano un ruolo importante nello sviluppo del settore. La gestione dei droni agricoli come attrezzature agricole è un metodo comune in tutto il mondo, sebbene i metodi di gestione di ciascun paese differiscano in qualche misura. Alcuni paesi adottano la certificazione obbligatoria, altri richiedono semplici documenti scritti, mentre altri utilizzano l'autorizzazione amministrativa. Tuttavia, rappresenta la gestione e l'approvazione del Ministero dell'Agricoltura per i droni agricoli. Essendo considerati aeromobili, i droni agricoli sono gestiti dalle autorità dell'aviazione civile dei vari paesi durante le loro operazioni. Esistono tre modi comuni di gestione. Il primo prevede l'esenzione dei droni agricoli con operazioni a basso rischio nel sistema legale esistente, come negli Stati Uniti. Il secondo richiede ai droni sopra i 25 kg di effettuare un'Analisi del Rischio Operativo Sicuro (SORA). Questa valutazione si concentra sul rischio operativo e analizza e approva il rischio operativo dei singoli casi, ed è ampiamente utilizzata nei paesi europei. Il terzo semplifica le regole di aeronavigabilità degli aeromobili tradizionali e genera una versione semplificata dei requisiti di aeronavigabilità applicabile ai droni agricoli, come in Brasile, Messico e altri paesi. I droni agricoli vengono principalmente utilizzati per la spruzzatura di pesticidi, quindi la gestione dei pesticidi è diventata la terza direzione politica su cui prestare attenzione. In Giappone, ad esempio, l'ente di gestione delle formulazioni di pesticidi per droni è l'Associazione per l'Aviazione Agricola, Forestale e Ittica. In Giappone sono registrati 382 formulazioni di pesticidi per droni agricoli.[1] I pesticidi registrati in Giappone per i droni agricoli includono fungicidi, miscele di insetticidi, erbicidi e regolatori della crescita delle piante, e le colture registrate sono principalmente riso, grano, soia, ecc. Gli erbicidi sono registrati solo nei campi di riso e le forme di pesticidi registrate nei campi di riso sono principalmente granuli e olio in film. Il metodo di applicazione consiste nell'utilizzare droni per distribuire particelle e rilasciare olio in film. Sulla premessa di aver ottenuto la registrazione dell'uso tradizionale della spruzzatura a terra, le aziende di pesticidi possono richiedere il test di espansione dell'uso della spruzzatura a basso volume dei droni agricoli per aumentare la modalità di applicazione registrata. Il test di registrazione del medicamento di controllo dei voli giapponesi include test di efficacia sul campo, residui, sicurezza delle colture e colture adiacenti. I test di registrazione sono principalmente effettuati dall'Associazione Giapponese di Aviazione Agricola (JAAA). Nel febbraio 2019, il Ministero dell'Agricoltura, delle Foreste e della Pesca del Giappone ha semplificato i test di efficacia e residui degli agenti speciali per i droni agricoli basandosi sugli anni di esperienza nell'utilizzo dei droni. Tuttavia, i test di sicurezza delle colture e di deriva legati alla spruzzatura dei droni sono ancora importanti dati di test di registrazione da presentare. I test di sicurezza delle colture generalmente richiedono "due luoghi all'anno" - cioè, i test vengono effettuati in due campi entro un anno, e la dose di test è due volte la dose raccomandata. I test di sicurezza delle colture possono essere effettuati contemporaneamente ai test di efficacia. Per il test di sicurezza delle colture adiacenti, è necessario selezionare cinque colture sensibili per effettuare i test. 2. Equilibrio tra efficienza e protezione ambientale Le aziende di droni agricoli hanno assunto l'impegno di migliorare l'efficienza agricola, impegnandosi a migliorare l'efficienza globale della produzione agricola. Tuttavia, la salute umana è strettamente legata alla salute e alla biodiversità del mondo nel suo complesso. Con il continuo miglioramento del sistema hardware e dell'intelligenza dei droni agricoli, il semplice "miglioramento dell'efficienza globale della produzione agricola" non è più adeguato allo sviluppo attuale, e i droni agricoli rispettosi dell'ambiente diventeranno la direzione del settore. Poiché la dispersione della spruzzatura aerea tradizionale ha avuto un impatto negativo sull'ambiente, nell'Unione Europea è stata emessa la Direttiva sull'istituzione di un quadro comunitario per l'azione per il raggiungimento dell'uso sostenibile dei pesticidi (DIRETTIVA 2009/128/CE, di seguito "la Direttiva") nel 2009, che vieta completamente la spruzzatura aerea in linea di principio e consente la spruzzatura solo su terreni ripidi non raggiungibili con le attrezzature a terra e quando la spruzzatura aerea offre evidenti vantaggi rispetto alle attrezzature a terra. Nel corso dell'ultimo decennio, la Direttiva è stata ampiamente recepita nella legislazione interna dei paesi dell'UE e ha formato un sistema di gestione complementare con altre normative ambientali e agricole nei vari paesi. Ad esempio, in Italia è necessario richiedere una valutazione ambientale complessiva del piano di spruzzatura prima della spruzzatura aerea, per poi richiedere l'approvazione in conformità alle normative dell'aviazione civile. Prima della pubblicazione ufficiale della Direttiva, l'UE ha richiesto commenti da parte di gruppi sociali e stakeholder sul progetto di legislazione su larga scala. Il legislatore ha incaricato Bipro[2] di effettuare test corrispondenti per garantire la base scientifica e sociale della legislazione. Secondo il rapporto di Bipro "Valutazione degli impatti economici delle misure specifiche che faranno parte della Strategia tematica sull'uso sostenibile dei pesticidi", l'UE ha selezionato tre paesi agricoli tradizionali - Francia, Spagna e Germania - per condurre test comparativi di spruzzatura aerea e spruzzatura a terra, rispettivamente, per uva (Francia), olive (Spagna) e foreste (Germania). Considerando molti fattori, come il beneficio economico, l'impatto sociale, l'impatto ambientale, l'efficacia della spruzzatura e la salute umana, i test hanno confrontato la spruzzatura agricola con attrezzature terrestri rispetto alla spruzzatura aerea. Come mostrato nella figura 5, prendendo ad esempio il test nel vigneto francese, si può osservare che la distanza di deriva della spruzzatura aerea e della spruzzatura manuale nel vigneto è di circa 20 metri. Nel 2019, l'Unione Europea ha emesso un emendamento alla Direttiva. Tuttavia, non vi sono cambiamenti nella posizione di base della direttiva sulla spruzzatura aerea: divieto in linea di principio e deroga in circostanze speciali. Nei tredici anni dalla formazione della direttiva, i droni agricoli civili non sono ancora ampiamente utilizzati. Con lo sviluppo della scienza e della tecnologia, i droni agricoli possono sostituire gli esseri umani in situazioni sempre più numerose. Pertanto, è tempo di rivalutare la legittimità delle operazioni dei droni agricoli anziché gestirli come aeromobili tradizionali. II. Vantaggi dei droni agricoli rispetto alla spruzzatura aerea Rispetto agli aeromobili tradizionali, le caratteristiche della spruzzatura con droni agricoli si concentrano principalmente nei seguenti aspetti: (I) Rispetto per l'ambiente 1. Operazioni di spruzzatura di precisione I piccoli aeroplani e gli elicotteri utilizzati in agricoltura hanno una velocità di volo elevata e un'alta altitudine durante la spruzzatura, il che può portare a una deriva significativa. Il drone può sostare per una spruzzatura ad alta precisione più mirata, con una quota di lavoro inferiore (di solito 1,5-3,5 m sopra la superficie delle colture), una velocità di volo più lenta (circa 3-7 m/s) e un controllo più dinamico del sistema di irrigazione e della velocità di flusso per evitare la deriva. Figura 6: Vortice di punta spruzzato dall'elicottero   Figura 7: Flusso  spruzzato dai droni agricoli L'installazione di lenti multispettrali sui droni può consentire la raccolta e la supervisione delle informazioni sulle operazioni agricole, generare mappe di prescrizioni agricole in base alla crescita delle colture e guidare le operazioni dei droni agricoli. Durante la spruzzatura di pesticidi con il drone, si mira solo alle aree che necessitano di trattamento, riducendo ulteriormente l'impatto sull'ambiente. Figura 8: DJI P4 Multispectral Per quanto riguarda la spruzzatura di precisione, i droni agricoli hanno destato interesse nel contrastare la diffusione del Cirsium arvense negli ultimi anni. Il Cirsium arvense, noto anche come cardo selvatico, è una perniciosa infestante diffusa in terreni coltivati e pascoli, che competono con le colture per acqua, nutrienti e minerali. I suoi boccioli radice producono acidi che rendono il terreno inadatto alla crescita di alcune colture. Di conseguenza, si riducono i rendimenti delle colture, causando perdite economiche per gli agricoltori e i proprietari terrieri. I boccioli radice del Cirsium arvense possono continuare a riprodursi anche se danneggiati, quindi il processo tradizionale di preparazione del terreno (ad esempio, aratura, zappatura) non riesce ad eliminare il Cirsium arvense, ma anzi favorisce la sua diffusione e propagazione. Pertanto, l'unico trattamento efficace è l'inalazione interna di erbicidi, che solitamente viene effettuata mediante la spruzzatura di glifosato sull'intero campo con un trattore. Planta Drone[3], partner di DJI Agriculture in Ungheria, ha utilizzato droni multispettrali per monitorare la distribuzione del Cirsium arvense nei campi e successivamente ha utilizzato droni agricoli per la spruzzatura di precisione al fine di ridurre l'uso e il costo dei pesticidi. Planta Drone ha utilizzato droni multispettrali per monitorare i campi prima e dopo la semina, e ha separato la crescita del Cirsium arvense utilizzando l'indice di vegetazione NDVI. Dopo aver generato una mappa di prescrizione di spruzzatura di precisione, il drone agricolo poteva spruzzare in base alla mappa di prescrizione, al fine di ottenere un diserbo accurato. Figura 9: Monitoraggio multispettrale 2. Riduzione del rischio per gli operatori I tipici scenari di operazione agricola degli elicotteri e degli aeroplani sono le operazioni in terreni montuosi e le operazioni su terreni agricoli su larga scala. L'operazione in montagna richiede ai piloti di volare manualmente e di salire e scendere continuamente per garantire una spruzzatura efficace. Nelle operazioni su terreni agricoli su larga scala, l'aeromobile deve lavorare a un'altitudine vicina ai 5 metri delle colture. In questo processo, molti piloti non riescono a livellare correttamente l'aeromobile dopo aver volato vicino al suolo, aumentando la probabilità di un incidente. Uno studio del National Transportation Safety Board degli Stati Uniti ha rilevato che nel 2013 ci sono stati 78 incidenti di aeromobili agricoli, di cui nove fatali, causando la morte di 10 persone.[4] L'operazione di spruzzatura con il drone risolve inizialmente il metodo tradizionale di "vincolo umano-aeromobile", in cui i piloti devono essere a bordo dell'aeromobile. Nel nuovo metodo di "separazione tra umani e aeromobili", il pilota del drone non deve sopportare il rischio di un incidente. La modalità di funzionamento automatico del drone non richiede nemmeno al pilota di seguire costantemente il drone, evitando così il rischio che il pilota entri in contatto con i pesticidi durante l'operazione di spruzzatura agricola. Il drone agricolo è dotato di un sistema radar sferico composto da radar di evitamento degli ostacoli omnidirezionale e radar verso l'alto, che fornisce funzioni di altimetria e determinazione dell'altezza nelle direzioni anteriore, posteriore e inferiore durante diversi modi di funzionamento, al fine di realizzare la funzione di seguire il terreno, l'evitamento degli ostacoli orizzontale omnidirezionale e la funzione di evitamento degli ostacoli verso l'alto. I droni agricoli supportano la rilevazione della pendenza del terreno e possono seguire anche le pendenze montane. Durante il percorso di funzionamento, ha anche la funzione di bypassare gli ostacoli in tutte le direzioni orizzontali, e il percorso di evitamento degli ostacoli può essere pianificato per bypassare l'ostacolo in modo indipendente. 3. Riduzione dell'inquinamento ambientale Gli aeroplani tradizionali utilizzano principalmente carburante come fonte di energia, mentre i droni utilizzano batterie al litio. L'energia elettrica è più pulita e può risparmiare efficacemente energia e ridurre le emissioni. Le eliche degli elicotteri producono un rumore di circa 110 decibel, 1,5 volte la soglia di tolleranza del corpo umano, mentre le operazioni dei droni riducono i decibel del rumore. Quando il drone lavora lontano dalla folla e dagli operatori, il suo basso rumore non causa danni al corpo umano. (II) Economicità I costi di acquisto e manutenzione di un aeroplano tradizionale sono elevati. Il costo di acquisto di un aeroplano non solo è centinaia o addirittura migliaia di volte superiore a quello di un drone, ma anche più costoso da utilizzare. L'aeroplano richiede un certo numero di membri dell'equipaggio pronti a terra per effettuare una serie di operazioni di manutenzione prima del decollo. Allo stesso tempo, a causa della necessità di richiedere uno spazio aereo operativo specifico, il costo del trasferimento degli aeroplani è anche relativamente alto in alcuni paesi e regioni. Prendendo ad esempio l'elicottero Single Squirrel AS350, il modello ha un prezzo di circa 3,6 milioni di euro, una capacità di carico di 500-600 kg, una lunghezza del braccio di spruzzatura di 10 metri, parametri operativi di circa 40 m/s, altezza di 30 m, ampiezza di spruzzatura di 25-50 m, efficienza lavorativa di 1200 mu/missione e ogni uscita richiede 25 minuti. L'aeroplano viene pilotato da due piloti e almeno quattro membri dell'equipaggio a terra sono responsabili della manutenzione a terra. In confronto, il costo di acquisto dei droni è relativamente basso, con un prezzo di ca 45.000 euro per un drone agricolo, che gli agricoltori possono permettersi. L'acquisto dei servizi professionali di protezione delle piante forniti dal team di protezione delle piante non comporta un grande onere economico. La riparazione e la manutenzione dei droni sono relativamente semplici, la sostituzione di parti ad alto consumo come le pale può essere effettuata dall'operatore, e le riparazioni più complesse vengono solitamente effettuate presso i punti di assistenza dell'agente vicini all'area di operazione. La manutenzione dei droni può essere eseguita semplicemente alla fine di ogni operazione, o in modo uniforme alla fine dell'intera stagione di operazione. Tabella 1: Elicottero vs drone agricolo Elicottero Single Squirrel AS350 Sky53 XAG P100 Costo 3,6 milioni di euro Poco più di 45.000 euro Personale a terra necessario 4 0 Piloti necessari 2 1 Alimentazione Carburante Batteria Carico 500-600 kg 40 kg (spruzzatura) Velocità 30-44 m/s 1-13,7 m/s Ampiezza di spruzzatura 25-50 m 3-4 m Spruzzatura di precisione No Sì III. Vantaggi comparativi dei droni rispetto alle macchine terrestri 1. Riduzione delle emissioni di carbonio La spruzzatura di pesticidi e fertilizzanti sui terreni agricoli in passato era dominata da operazioni umane o operazioni di trattori. Il diesel è il principale carburante dei trattori tradizionali. Sostituire le macchine agricole tradizionali con droni per la protezione delle piante può ridurre le emissioni di carbonio a 5,11 kg di CO2 per ettaro. L'operazione di 1 miliardo di ettari equivale a una riduzione di 5,11 milioni di tonnellate di CO2. Ciò equivale all'assorbimento di carbonio di 240 milioni di alberi all'anno e alla riduzione delle emissioni di carbonio di 1,92 milioni di auto. Tabella 2: I droni agricoli riducono le emissioni di carbonio 2. Riduzione del consumo di acqua Grazie all'uso di tecnologie di spruzzatura a bassa capacità, i droni agricoli possono risparmiare 44 litri di acqua agricola per ettaro rispetto alle operazioni manuali. L'operazione di 1 miliardo di ettari equivale a una riduzione di 44 milioni di tonnellate di acqua agricola. Ciò equivale alla quantità di acqua consumata da 79,87 milioni di residenti in un anno. 3. Miglioramento dell'utilizzo dei pesticidi L'applicazione dei droni agricoli ha anche portato a un miglioramento dell'utilizzo dei pesticidi. Il professor Yuan Huizhu dell'Istituto di Protezione delle Piante dell'Accademia Cinese delle Scienze Agrarie ha riassunto nel suo articolo "Il ruolo della diffusione e dell'applicazione dei droni agricoli nel miglioramento dell'utilizzo dei pesticidi in Cina": "Rispetto alla spruzzatura a zaino convenzionale a grande capacità sul terreno, l'utilizzo dei pesticidi a bassa altitudine e a bassa capacità dei droni agricoli nella prevenzione e nel controllo delle malattie e dei parassiti delle colture come riso, frumento e mais ha raggiunto rispettivamente il 49,1%, il 57,1% e il 52,7%. Rispetto alla spruzzatura a zaino convenzionale a grande capacità sul terreno, l'uso dei droni agricoli può aumentare l'utilizzo dei pesticidi di oltre il 10%. L'operazione di 1 miliardo di ettari equivale a una riduzione dello spreco di 1.515 tonnellate di pesticidi." Per l'applicazione del Cirsium arvense, nel caso in cui si ottenga l'effetto di controllo, rispetto al trattore tradizionale, utilizzare il drone per il diserbo accurato di 18 ettari può risparmiare 61 L di liquido, risparmiando così un costo operativo di 262,3 euro, ovvero circa 15 euro per ettaro. Sono stati ottenuti evidenti effetti economici. "Se vogliamo raggiungere una riduzione del 50% dell'uso degli agrofarmaci in Europa entro il 2030, la nostra migliore possibilità è utilizzare la spruzzatura/spargimento di precisione e l'operazione variabile", ha affermato Elemer, un ingegnere di Planta Drone. SPERIMENTAZIONE 1. Test sull'effetto del controllo delle infestanti nei campi di riso in Cina Lo scopo della sperimentazione era quello di testare in modo esaustivo l'effetto di controllo degli additivi pesticidi spruzzati dal drone spruzzino sulle infestanti nei campi di riso. Come risultato, sono stati selezionati gli agenti e gli ausiliari appropriati, e sono stati ottenuti i migliori parametri di applicazione di pesticidi per i droni agricoli. Il test è stato condotto per esplorare l'effetto dello spruzzo di erbicida sulle infestanti e sulla resa del riso mediante il drone spruzzino. È stato concluso che l'effetto di controllo del drone spruzzino è migliore rispetto ai metodi di spruzzatura meccanica terrestre. Inoltre, durante l'esperimento non si è verificato alcun danno evidente causato dai prodotti chimici, il che indica che l'uso corretto dei due metodi di spruzzatura può controllare efficacemente le infestanti nei campi di riso. Inoltre, il drone spruzzino risparmia tempo, acqua e lavoro ed è consigliato per il controllo delle infestanti nei campi di riso. 2. Test sul controllo del ragnetto rosso degli agrumi Il ragnetto rosso degli agrumi danneggia gli acari adulti, gli acari giovani e gli acari ninfali, assorbendo il succo dalle foglie, dai germogli e dalla buccia, causando la caduta di frutti e foglie. Le foglie danneggiate sono coperte densamente da punti grigi-bianchi a forma di ago, perdendo lucentezza e cadendo infine, influenzando seriamente l'albero e il potenziale di resa. In questo esperimento è stato testato l'effetto dello spruzzo di pesticidi e ausiliari sul controllo del ragno rosso degli agrumi mediante drone agricolo, e sono stati selezionati i parametri di applicazione appropriati, i pesticidi e gli ausiliari del drone agricolo. I principali risultati sono i seguenti: 1. Secondo la teoria della dimensione ottimale delle particelle biologiche, il range di dimensioni delle goccioline catturate dai diversi bersagli biologici è diverso, e solo nel range di dimensioni ottimali, il numero di goccioline catturate dal bersaglio è il più grande e l'effetto di controllo è il migliore. Per i parassiti delle foglie come il ragno rosso degli agrumi, le goccioline a nebbia con una dimensione di 40-100 μm sono adatte. Per questi parametri, il DJI Agras T30 è adatto per il controllo del ragno rosso degli agrumi negli agrumeti. 2. Tra i due tipi di insetticidi, l'effetto di controllo rapido di SC era migliore, mentre l'effetto duraturo era generale. 5% Avi EC + 20% di SC di etoxazolo aveva un effetto rapido e persistente ideale sul ragno rosso degli agrumi, e gli effetti di controllo sono stati rispettivamente del 94,36% (1D), 98,37% (3D) e 85,74% (10D). 3. L'aggiunta di un agente arancione può migliorare l'effetto di controllo e l'uniformità dello spruzzo del ragno rosso degli agrumi. Ad esempio, l'aggiunta del 40% di acarazolo SC con un agente arancione ha aumentato l'effetto di controllo dell'11,68% (3D) e del 4,44% (10D). 3. Test di controllo di Spodoptera litura nel campo di mais Spodoptera litura, comunemente conosciuta come verme tagliatore del tabacco, è un bersaglio principale per la prevenzione delle infestazioni. La selezione degli strumenti di applicazione, dei pesticidi, degli ausiliari e dei metodi di applicazione sono le tecnologie chiave per la prevenzione e il controllo di Spodoptera litura. L'applicazione del DJI Agras T30 è stata confrontata con lo spruzzatore elettrico a zaino a terra, al fine di fornire una base per il controllo di campo di Spodoptera litura. Spodoptera litura è principalmente dannosa per le foglie centrali del mais, quindi la quantità di deposito di pesticidi nelle foglie centrali è la chiave per il controllo di Spodoptera litura. L'analisi delle goccioline raccolte dalla carta filtrante posizionata sulle foglie delle pannocchie di mais ha mostrato che la quantità di deposito della soluzione applicata con il DJI Agras T30 era solo il 4,6% di quella dello spruzzatore a zaino, ma l'effetto di controllo poteva raggiungere lo stesso livello dello spruzzo a zaino. (II) Test di deriva 1. Modello di deriva di aeromobili tradizionali Da tempo si è riconosciuto che lo spruzzo aereo comporta il problema della deriva dei pesticidi, quindi da molto tempo sono state condotte ricerche sulla deriva degli aeromobili tradizionali. Il modello AgDRIFT degli Stati Uniti viene utilizzato per regolare ufficialmente le questioni relative allo spruzzo agricolo aviatorio. Gli utenti possono inserire ugelli, fluidi pesticidi, tipi di aeromobili, fattori meteorologici, ecc., e prevedere la possibile deriva richiamando il database interno. In questo modello, sono inclusi i fattori che influenzano le goccioline di nebbia come la scia dell'aeromobile, il vortice dell'estremità dell'ala, il vortice discendente del rotore dell'elicottero e la perturbazione dell'aria intorno alla fusoliera. Andrew Hewitt, un professore presso l'Università del Queensland in Australia, ha introdotto il GIS nel modello di deriva aerea per ottimizzare la strategia di spruzzatura attraverso la misurazione della velocità del vento in tempo reale al fine di ridurre la perdita di deriva dei pesticidi nelle aree non target. Questi studi sul modello di deriva degli aeromobili tradizionali hanno gettato le basi teoriche per il test di deriva del drone agricolo. 2. Test in galleria del vento Il deposito delle goccioline di nebbia è influenzato da molti fattori. Per il sistema di spruzzatura del drone, i parametri di spruzzo delle goccioline, i parametri di funzionamento, i tipi di attrezzature strutturali e i fattori ambientali influenzeranno l'effetto di deposito delle goccioline. Durante il funzionamento del drone a rotore, il flusso generato dal downwash prodotto dai rotori influenzerà anche la distribuzione e il deposito del liquido. Il test in galleria del vento consente di quantificare l'influenza dei parametri di spruzzo sul deposito delle goccioline. Considerando in modo completo l'influenza di molti fattori, come il tipo di ugello, la velocità del vento, l'altezza e il tipo di reagente, è possibile stabilire un modello di previsione del deposito e della deriva delle goccioline per guidare l'effettiva operazione di spruzzatura. Sebbene il test in galleria del vento abbia vantaggi evidenti nell'analisi dei fattori che influenzano il deposito, il laboratorio della galleria del vento è costoso e richiede standard di alta qualità ed è difficile considerare i parametri di volo e l'influenza del flusso di downwash durante il funzionamento del drone. 3. Test sul campo Il vantaggio degli esperimenti sul campo è che i risultati della deriva e del deposito delle goccioline possono essere osservati e analizzati più direttamente sulla base degli esperimenti di simulazione della deriva e dei test in galleria del vento. Lo svantaggio degli esperimenti sul campo è che il processo e i risultati non sono riproducibili a causa delle condizioni di crescita e meteorologiche delle colture stesse. 1) Test di deriva delle goccioline di Fitofarmaci I droni irroratori offrono nuove possibilità per una protezione delle colture rispettosa dell'utente e dell'ambiente. I prodotti fitosanitari, sia biologici che sintetici, possono essere applicati in modo mirato. Studi approfonditi condotti da Agroscope hanno dimostrato che la deriva è leggermente superiore a quella degli irroratori, ma migliore di quella degli irroratori a ventaglio. Sulla base dei risultati positivi, i cinque uffici federali UFAM, UFAC, UFAG, UFV e SECO hanno sviluppato una procedura per l'approvazione ufficiale dei droni. Tutti i droni devono ora passare attraverso questa procedura. Agroscope è responsabile dei test tecnici e dell'omologazione.   https://youtu.be/2oJA3YmAE3o     Progetto DronExpo Agroscope sta conducendo un progetto in collaborazione con l'FSVO (Ufficio federale per la sicurezza alimentare e veterinaria) per valutare il rischio di contaminazione per i residenti e i passanti durante i trattamenti di protezione delle colture con i droni. Le prove vengono condotte su colture di frutteti. Gli obiettivi del progetto DronExpo sono generare i dati sperimentali necessari per consentire all'FSVO di effettuare la valutazione del rischio nell'ambito dell'autorizzazione, ossia ottenere valori per l'esposizione cutanea, l'inalazione e la deriva per sedimentazione sul suolo.     Figura 10: Effetto bagnatura  con cartine idrosensibili Il test di deriva delle goccioline di pesticidi è ora considerato da tutti i paesi del mondo, e le aziende di droni, le aziende chimiche e le università agricole stanno conducendo ricerche corrispondenti. Germania, Cina, Ungheria, Australia, Giappone, Ucraina e altri paesi hanno condotto test simili, sperando di fornire una base per le norme per l'uso dei droni agricoli. 2) Test di valutazione dell'impatto ambientale Nel 2021, l'Istituto di Protezione delle Piante dell'Accademia Cinese delle Scienze Agrarie ha condotto un test di valutazione della sicurezza della deriva dello spruzzo di droni agricoli sulle api. Lo scopo del test era: - Determinare il deposito e la distribuzione delle goccioline nell'area di applicazione e nell'area di deriva; - Confrontare gli effetti della deriva delle goccioline di pesticidi sulle api con diversi metodi di applicazione; - Chiarire l'effetto di controllo di diverse ampiezze di zona di isolamento sulla deriva dell'applicazione di pesticidi tramite droni agricoli. La preparazione specifica e l'itinerario dell'apparecchiatura di spruzzatura sono stati i seguenti: - Utilizzo del DJI Agras T30 per lo spruzzo e del Mavic 2 Pro per la registrazione aerea; - Parametri di spruzzatura T30: velocità 6 m/s, altitudine di volo 6 m, ampiezza di spruzzatura 8 m; - Volo da est a ovest lungo la zona di spruzzatura, decollo dal lato più orientale del campo, spruzzatura fino all'estremità più occidentale con un'ampiezza di spruzzatura di 8 metri, e poi spruzzatura dalla zona più occidentale di 8-16 metri verso est e atterraggio. Allo stesso tempo, è stata utilizzata una spruzzatrice a zaino per lo spruzzo manuale a un'altezza di spruzzatura di circa 0,7-0,8 m dal suolo, un'altezza dei fiori di circa 0,3-0,4 m e un'ampiezza di spruzzatura di 8 m. Una persona si è avanzata nel mezzo della zona di spruzzatura e ha spruzzato su entrambi i lati. È stata istituita una zona senza spruzzatura sul lato più occidentale come riferimento per il confronto. Figura 11: Registro del test Dopo lo spruzzo, l'attività delle api è stata osservata continuamente per 16 giorni e sono state registrate le attività delle api nelle diverse aree di applicazione e di deriva. I risultati dell'esperimento, che durerà tre anni, saranno utilizzati per raccomandare le migliori pratiche per lo spruzzo con droni agricoli. V. Esplorazione delle migliori pratiche La migliore pratica dei droni agricoli è un'esplorazione pratica a tutto campo e a ciclo completo che coinvolge "persone, droni, tecnologie, pesticidi" in tutte le direzioni. In questo processo, si tratta di formazione degli operatori, miglioramento della sicurezza e affidabilità dei prodotti dei droni agricoli, miglioramento della tecnologia dei droni, miglioramento coordinato della tecnologia agricola di coltivazione, nonché miglioramento e standard di utilizzo dei pesticidi. (I) Formazione degli operatori L'uso improprio dei droni agricoli può causare inquinamento ambientale del suolo, inquinamento dell'aria, inquinamento dell'acqua e altri problemi. Questi problemi sono spesso trascurati dagli operatori, ma possono essere completamente evitati se l'operazione è standardizzata. Ad esempio, gli operatori non dovrebbero lavorare in un ambiente con una velocità del vento superiore a 12 mph e non devono scaricare l'acqua dalla pulizia dei serbatoi di spruzzatura in fonti d'acqua naturali. In questo caso, le richieste per gli operatori non sono limitate solo al volo dei droni agricoli, ma sono addestrati per diventare operatori professionali di droni agricoli. Gli operatori professionali di droni agricoli si riferiscono a persone che hanno sia competenze operative dei droni che conoscenze professionali sulla protezione delle piante. Gli operatori di droni agricoli ricevono una formazione sistematica dai produttori, ricoprono posti certificficati e sono molto familiari con i regolamenti e gli standard agricoli e dell'aviazione, nonché padroneggiano le conoscenze sull'uso scientifico e sicuro dei pesticidi. Possono effettuare dosaggi e operazioni in base a un piano di utilizzo scientifico e sicuro dei prodotti chimici, al fine di evitare l'impatto della deriva su colture non bersaglio circostanti, insetti impollinatori e l'ambiente ecologico. Per quanto riguarda i requisiti ufficiali per gli operatori di droni agricoli, la pratica più tipica proviene dalle Filippine. Il 18 marzo 2021, la Technical Education Skills Development Authority (TESDA) ha emesso lo standard di capacità operativa II per l'operazione dei droni agricoli (CS), annunciando l'inclusione formale del corso DJI UTC nel programma nazionale di formazione professionale, il che significa che il corso DJI è diventato il primo corso di formazione ufficiale certificato per droni agricoli nelle Filippine. Figura 12: TESDA (II) Sviluppo di nuove tecnologie 1. Tecnologia degli ugelli Ricercatori di molti paesi hanno dedicato anni allo studio di vari tipi di ugelli di spruzzatura, compresi gli ugelli generali, elettrostatici, anti-deriva e progressivamente variabili. L'atomizzatore centrifugo controllato dal motore ha caratteristiche come una distribuzione stretta dello spettro di dimensioni delle goccioline e un'ampia gamma di atomizzazione. Rispetto all'effetto di un ugello ad atomizzazione idraulica, ha chiari vantaggi che lo hanno portato alla fase commerciale. La tecnologia di sistema MEMS permetterà di miniaturizzare ulteriormente il controllo e l'attuatore, e una regolazione fine dello spettro di goccioline per un'applicazione anti-deriva e a precisione variabile è diventata una nuova tendenza di ricerca. Oltre agli ugelli a pressione tradizionali, i droni agricoli hanno iniziato a utilizzare anche gli ugelli centrifughi. Le caratteristiche degli ugelli centrifughi sono: (1) le goccioline possono essere controllate e il diametro delle goccioline può essere efficacemente controllato mediante la regolazione della velocità di rotazione; (2) una struttura di canale di flusso di grandi dimensioni non causerà intasamenti, quindi è molto adatto per la spruzzatura di polveri solubili e agenti sospesi. 2. Tecnologia di applicazione dei pesticidi con navigazione RTK I droni agricoli sono dotati di un sistema RTK (Real-Time Kinematic) per ottenere un posizionamento preciso a livello di centimetri. Prima dell'operazione di applicazione dei pesticidi, gli operatori misurano e determinano accuratamente i punti di confine dell'area di applicazione dei pesticidi mediante un telecomando portatile, un punto di misurazione dei droni o un rilevamento aereo, e creano una mappa dell'area di applicazione dei pesticidi. In base alla mappa dell'area di applicazione, viene pianificato il percorso di volo dell'operazione di applicazione e il drone applicherà automaticamente il pesticida con precisione lungo il percorso prescritto, evitando efficacemente la duplicazione e la dispersione della spruzzatura. 3. Spruzzatura a precisione variabile tramite intelligenza artificiale (AI) I droni agricoli utilizzano mappe di prescrizione AI per identificare con precisione i confini dei terreni coltivati, la densità delle colture e le tendenze di crescita, riducendo efficacemente l'uso di pesticidi e fertilizzanti attraverso un controllo preciso e variabile. Questo rende l'agricoltura più ecologica. La distribuzione e la crescita delle colture in un terreno coltivato sono spesso diverse. Sebbene la spruzzatura completa possa garantire un'operazione su larga scala ed efficiente, comporta inevitabilmente uno spreco di pesticidi e inquinamento ambientale. L'operazione di precisione variabile AI può aiutare gli utenti a effettuare una valutazione accurata prima di eseguire operazioni specifiche per ridurre lo spreco di pesticidi e l'inquinamento ambientale. Questa tecnologia è ampiamente utilizzata in diverse colture. Di seguito sono riportati alcuni esempi: 1) Eradicazione precisa delle erbe infestanti Il monitoraggio multispettrale viene utilizzato per monitorare i campi prima e dopo la semina, l'indice di vegetazione NDVI viene utilizzato per separare la posizione di insorgenza delle erbe infestanti e viene generata una mappa di prescrizione per una spruzzatura precisa che viene poi applicata dal drone agricolo. Figura 13: NDVI Figura 14: Mappa di prescrizione e percorso L'uso dei droni agricoli per l'eradicazione precisa delle erbe infestanti, al fine di risolvere una serie di problemi come l'alto costo dell'uso di erbicidi e l'inquinamento ecologico causato dall'abuso dei pesticidi, sta diventando sempre più diffuso in tutto il mondo. Riducendo l'uso dei pesticidi e aumentando l'efficienza, si promuove lo sviluppo verde e sostenibile dell'ecologia agricola globale. Figura 15: Immagine di un'operazione di spruzzatura precisa su un punto 2) Spruzzatura precisa del cuore delle palme da olio La maggior parte delle malattie e dei parassiti delle palme da olio si verifica nel cuore dell'albero. Quando le giovani palme da olio sono invase da parassiti come il coleottero del cocco (Oryctes rhinoceros), si verificano danni alle foglie, fori nei piccioli e rottura del germoglio, causando deformità e disseccamento degli alberi giovani e, infine, la morte prematura delle giovani palme da olio. I droni agricoli possono fornire un servizio personalizzato chiamato "Modalità Palma da Olio" per la gestione dei parassiti. Utilizzando il sistema di disposizione degli ugelli speciali T16 per le palme da olio e il riconoscimento automatico AI dei modelli di alberi da frutto tramite DJI Terra, è possibile individuare con precisione il cuore dell'albero e applicare il pesticida in modo accurato su un punto fisso, ottenendo il miglior effetto di controllo dei parassiti, risparmiando acqua e utilizzando il pesticida in modo più efficiente. Figura 16: Modellazione 3d Figura 17: Spruzzatura su una palma da olio (III) Pesticidi e additivi per il controllo del volo La formulazione dei pesticidi è un fattore molto importante che influisce sull'effettiva applicazione dei pesticidi. Una buona formulazione può migliorare il processo di atomizzazione delle goccioline, ridurre la perdita di goccioline e aumentare la ritenzione delle goccioline di pesticidi sulla superficie delle colture target. Fino ad oggi, le preparazioni commerciali di pesticidi per l'applicazione dei droni sono ancora in fase di ricerca e sviluppo, e le preparazioni adatte alla spruzzatura a bassa quota e a bassa dose dei droni miglioreranno l'uniformità della distribuzione dei pesticidi e ridurranno il potenziale di deriva delle goccioline. Lo sviluppo e la promozione di agenti speciali e additivi adatti ai droni agricoli sono diventati la chiave per la loro potenzialità di applicazione di pesticidi a bassa capacità. Grandi aziende chimiche come Corteva, Syngenta e Bayer stanno attivamente sviluppando additivi per il controllo del volo che si abbinano alla spruzzatura dei droni agricoli. Considerando le caratteristiche dell'operazione di protezione delle piante con droni nella progettazione e nella lavorazione delle formulazioni chimiche, c'è un alto rischio di deriva delle goccioline nella spruzzatura a bassa capacità dei droni, quindi è necessario studiare preparazioni di pesticidi con forte sedimentazione, resistenza alla volatilità e resistenza alla deriva. (IV) Stabilire standard tecnici Per la sicura operazione dei droni agricoli, è necessario stabilire standard e norme del settore. La valutazione della sicurezza ambientale è il contenuto principale e chiave dell'uso sicuro dei droni agricoli, della protezione ambientale e della gestione governativa. Lo standard di utilizzo dei droni agricoli è molto indietro rispetto alla ricerca e sviluppo dei prodotti. È necessario sviluppare standard tecnici che possano fornire parametri di applicazione dei pesticidi ragionevoli per le operazioni dei droni in diverse condizioni meteorologiche e di terreno. È necessario accelerare la ricerca e la formulazione di standard e norme per la qualità dell'operazione di protezione delle piante avicole, l'effetto di controllo e la valutazione del rischio ambientale al fine di promuovere lo sviluppo di alta qualità, alta efficienza, sicuro, controllabile e sano dell'industria dei droni agricoli. Con la progressiva diffusione dei droni agricoli nel mondo, la formulazione di standard e norme dell'industria dei droni agricoli è diventata un fattore chiave per promuovere lo sviluppo del settore. Per quanto riguarda il lavoro sugli standard internazionali, DJI fa parte del Comitato Tecnico di Standardizzazione dei Trattori e dei Macchinari Agricoli e Forestali (ISO/TC23) dell'Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (ISO), specializzandosi nella ricerca di standard per trattori, attrezzature per la protezione delle piante, elettronica agricola e altri settori. Sotto di esso è stato istituito il Gruppo di Lavoro sul sistema di spruzzatura con droni (WG25), che attualmente partecipa attivamente alla formulazione degli standard internazionali per i droni agricoli ISO-23117. (V) Conformità legale completa prima dell'inizio della stagione operativa Come già accennato, i droni agricoli sono gestiti da diversi enti di controllo. L'uso dei droni agricoli è influenzato dai cicli di crescita delle colture. Di solito si fa riferimento al ciclo di semina e spruzzatura dei droni agricoli come stagione operativa agricola. Al fine di garantire che gli utenti possano conformarsi all'uso dei droni agricoli all'inizio della stagione operativa, il lavoro di conformità deve essere completato prima dell'inizio della stagione operativa. Secondo la legislazione attuale, alcuni contenuti di conformità non possono essere facilmente completati dagli utenti, ma i produttori possono assistere gli utenti nella conformità in anticipo. 1. Certificazione JKI in Germania Come rinomata organizzazione di certificazione di macchinari agricoli, la JKI tedesca ha una reputazione per gli elevati standard dei test delle bocchette. In Germania, i droni agricoli devono essere certificati dalla JKI prima di poter spruzzare pesticidi su appezzamenti speciali. Ad esempio, nel 2021-2022, la JKI ha testato e certificato il DJI T30 per le operazioni di vigneto di montagna e ha completato questa approvazione prima dell'inizio della stagione operativa. Figura 18: Droni agricoli DJI certificati da JKI 2. Conformità SFOC di Transport Canada Transport Canada richiede che l'operazione dei droni sopra i 25 kg richieda la richiesta di SFOC (Special Flight Operations Certificate) e Transport Canada approva i droni attraverso SORA (Specific Operations Risk Assessment) e scenari standard. I contenuti richiesti in SORA includono la progettazione di sicurezza dei droni. Come utente finale nel settore agricolo, è difficile fornire la progettazione di sicurezza e la descrizione dell'affidabilità del drone. DJI fa richiesta direttamente a Transport Canada per sostituire gli utenti T30 nella descrizione della progettazione di sicurezza e nel rapporto di prova dell'affidabilità del prodotto stabiliti dai regolamenti. Attualmente, il T30 è stato approvato da Transport Canada e gli agricoltori locali devono solo indicare l'ora e il luogo del loro prossimo lavoro quando richiedono la SFOC, il che riduce notevolmente i costi di conformità degli utenti. 3. Conformità SORA di FOCA In Svizzera, al fine di consentire agli utenti agricoli di superare rapidamente la revisione, i droni agricoli vengono preventivamente esaminati dal Comitato per l'Agricoltura (Agroscope) e successivamente approvati dalla FOCA (Federal Office of Civil Aviation). I produttori o distributori possono assistere gli utenti nella preparazione anticipata dei materiali di descrizione del prodotto durante il processo di conformità per superare rapidamente la revisione.     VI. Conclusioni Come affermato dalla Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite nei suoi obiettivi: "Il nostro obiettivo è raggiungere la sicurezza alimentare per tutti e garantire che le persone abbiano un accesso regolare a cibo di alta qualità per condurre una vita attiva e sana." I droni agricoli forniscono strumenti scientifici e tecnologici moderni per questo obiettivo e creano nuovi posti di lavoro, nuove esigenze sociali e valori sociali nel processo. Oggi, i droni agricoli coprono in modo completo le principali colture alimentari in tutto il mondo, tra cui riso, grano, mais, patate e soia. Servono anche importanti colture commerciali in tutto il mondo, come tè, agrumi, mele, ciliegie, cotone e canna da zucchero, solo per citarne alcune. Con la gestione digitale, precisa ed intelligente di uva, oliva, cotone e altre colture commerciali, un sistema di droni agricoli può fornire ai professionisti uno schema di gestione più comodo ed efficiente, riducendo così i costi operativi, aumentando la produzione, la qualità e il reddito. L'applicazione dei droni agricoli considererà anche un approccio più ecologico e sostenibile in futuro per contribuire maggiormente ad una Terra più verde, rendere l'agricoltura più semplice e migliorare la qualità della vita. Noi abbracciamo gli agricoltori e ci impegniamo a essere al loro servizio per generare reddito. Attraverso un migliore equipaggiamento e soluzioni intelligenti, possiamo risolvere efficacemente i problemi nella produzione degli agricoltori per aiutarli a realizzare il loro sogno di aumento del reddito e rendere il loro lavoro più prezioso. Ci impegniamo a proteggere il pianeta e continuiamo a ridurre sprechi e perdite nella produzione agricola creando strumenti e programmi migliori. In questo modo, miriamo a consentire a più professionisti di svolgere la produzione agricola in modo più ecologico, vivendo in armonia con la terra. Sosteniamo una cooperazione vantaggiosa per entrambe le parti e intratteniamo rapporti di cooperazione tra università, aziende chimiche, centri di ricerca e altre istituzioni. Costruiremo insieme un circolo ecologico con la formazione di talenti, l'aggiornamento dei prodotti, l'ottimizzazione chimica e l'aggiornamento tecnologico come elementi centrali, promuovendo così lo sviluppo e il progresso globale della scienza e della tecnologia agricola. Crediamo che con la continua esplorazione delle migliori pratiche, la gestione dei parassiti e l'uso dei pesticidi saranno più razionali e avranno un impatto minore sull'ambiente. L'ambiente normativo per i droni agricoli si allenterà gradualmente e lo spazio per lo sviluppo dei droni agricoli si amplierà. Desideriamo esprimere il nostro sincero apprezzamento a tutti coloro che lavorano duramente per l'agricoltura e contribuiscono alla protezione dell'ambiente. Desideriamo ringraziare tutti i colleghi di XAG e DJI che hanno lavorato a questo rapporto, i distributori e i partner di XAG e DJI per il loro supporto nella produzione del suo contenuto, e tutti coloro che hanno fornito risorse mediatiche. Infine, dobbiamo estendere la nostra più profonda gratitudine alla flora e alla fauna che hanno fornito i dati dai quali le generazioni future trarranno un beneficio incommensurabile....