Droni da trasporto

Droni da trasporto (Kargo UAV)

Improvvisamente, i droni per effettuare consegne sembrano diventati un bisogno, invece di un semplice esercizio stilistico. La pandemia globale COVID-19 ha dolorosamente dimostrato che consegnare merci con sistemi automatizzati è un altro modo per mantenere una distanza sociale sicura mantenendo il flusso di forniture vitali per una popolazione in un blocco prolungato. Sfortunatamente, non avremo droni di consegna tradizionali fino a quando non saremo in grado di risolvere il problema del loro uso sicuro nello spazio aereo affollato. In altre parole, non saranno realtà fino a quando non saremo in grado di unire in sicurezza il controllo del traffico aereo con la gestione del traffico aereo senza pilota (volo autonomo).

Per fortuna, mentre la maggior parte di noi lavora da casa, gruppo dedicati di persone lavorano per promuovere la causa dell’integrazione di aeromobili con e senza equipaggio nello spazio aereo controllato.

La Federal Aviation Administration (negli USA) ha annunciato due nuovi partecipanti al programma pilota di gestione del traffico dei droni (UPP), un programma che è stato istituito nell’aprile 2017 per identificare un insieme iniziale di capacità del settore e della FAA necessarie per supportare le operazioni con droni a bassa quota. Le entità selezionate erano Virginia Tech Mid-Atlantic Aviation Partnership a Blacksburg, in Virginia, e Griffiss International Airport a Roma, New York. Questi partecipanti al sito di prova prenderanno parte alla fase 2 del programma pilota. L’UPP aiuterà a identificare i servizi, i ruoli e le responsabilità, l’architettura delle informazioni, i protocolli di scambio di dati, le funzioni del software e i requisiti di prestazione per la gestione delle operazioni con droni a bassa quota senza intervento da parte delle strutture di controllo del traffico aereo.

Con l’aumentare della domanda di sistemi aerei senza pilota, la FAA, insieme alla NASA e ad altri partner del settore, sta sviluppando un’infrastruttura di gestione del traffico UAS (UAS) per soddisfare queste operazioni in modo sicuro ed efficiente con programmi come UPP.

Contemporaneamente l’EASA, l’Agenzia europea per la sicurezza aerea, ha pubblicato un parere che delinea le linee guida sull’uso e il controllo dei droni in un ambiente urbano. Il documento mira a bilanciare il desiderio di massimizzare i benefici commerciali e di convenienza dei droni rispetto alla necessità di garantire la sicurezza e la privacy dei cittadini e il potenziale impatto ambientale sulle città di tutta Europa.

L’obiettivo del parere dell’AESA è quello di creare e armonizzare le condizioni necessarie affinché gli aeromobili con o senza equipaggio possano operare in sicurezza nello spazio aereo nello spazio U, per prevenire le collisioni tra aeromobili e mitigare i rischi aerei e terrestri. Pertanto, il quadro normativo dello spazio U, supportato da regole chiare e semplici, dovrebbe consentire operazioni di volo sicure in tutte le aree e per tutti i tipi di operazioni senza pilota.

Il termine “spazio U” è stato adottato per descrivere la gestione del traffico aereo senza pilota per garantire l’interazione sicura con altre entità che utilizzano lo stesso spazio in qualsiasi luogo, non solo nelle aree urbane.

“Stiamo già iniziando a vedere un numero crescente di voli complessi intrapresi da droni in vari esperimenti in tutto il mondo”, ha affermato Patrick Ky, direttore esecutivo dell’EASA. “Inoltre, come tutti sanno, molte aziende hanno l’ambizione commerciale di utilizzare i droni per le consegne o, guardando oltre, di offrire servizi come i taxi aerei. Il presente parere propone un quadro normativo che consentirà a tali servizi di coesistere con tutte le altre attività nei nostri ambienti urbani. L’obiettivo è garantire operazioni sicure, creando al contempo le basi per un mercato competitivo dei servizi nello spazio U e stabilendo un livello di protezione ambientale, sicurezza e privacy accettabile per il pubblico “.

Queste linee guida, presentate alla Commissione europea come base per la futura legislazione, stabiliscono il primo blocco per la creazione dello spazio U in Europa. Lo scopo iniziale è lo spazio aereo di basso livello, lo spazio aereo urbano densamente popolato e le località vicine all’aeroporto, senza tentare di coprire lo spazio aereo in altre aree. L’AESA prevede di ampliare la portata man mano che il mercato si sviluppa e si acquisisce esperienza.

Mentre il mondo attende con ansia il giorno in cui Amazon, UPS, FEDEX, DHL e altri saranno in grado di spedire i prodotti quasi in tempo reale cioè lo stesso giorno dell’ordine tramite drone per evitare la diffusione di malattie infettive, è bene sapere che le entità in tutto il mondo sono attivamente al lavoro per assicurarsi che quel giorno sia prima possibile che lontano troppo tardi per soddisfare le esigenze impellenti.

 

SPAZI AEREI DEL FUTURO