Drone di disinfezione indoor per combattere COVID-19

Drone di disinfezione indoor per combattere COVID-19

Mentre i venti di cambiamento hanno molte aziende che ruotano le offerte di prodotti, Digital Aerolus non è una di queste, ma aumenta il calore della sua tecnologia disinfettante brevettata.

“Vedo questo come meno di noi che saltano sul carro e sempre più che facciamo ciò in cui siamo bravi e proviamo a rendere il mondo un posto più sicuro”, ha detto Jameson Huckaba, direttore dello sviluppo di prodotti e affari, con sede a Lenexa L’ultima creazione della startup aerospaziale, l’Aertos 120-UVC – un drone che può volare in spazi ristretti e utilizza 265 nanometri di lunghezze d’onda ultraviolette per uccidere i germi che la pulizia ordinaria non può.

“È come la peggiore scottatura solare che tu abbia mai avuto in tutta la tua vita – e succede in pochi secondi”, ha aggiunto, notando che la produzione del drone che uccide la malattia è aumentata alla luce della pandemia di Coronavirus (COVID-19). “[Le onde ultraviolette] danneggiano fisicamente il DNA delle cellule o di organismi viventi o virus, quindi non sono in grado di riprodursi. Quel materiale genetico è danneggiato irreparabilmente. ”

Far funzionare il drone è un suo atto di allontanamento sociale, notò Huckaba. Un operatore si trova all’esterno dell’area interessata con un controller e naviga il processo di pulizia semi-autonomo dall’inizio alla fine.

“In generale, il drone disinfetterà circa mille piedi cubi ogni 10 minuti e puoi considerare [una stanza] pulita a quel punto”, ha detto.

Un prodotto industriale con un prezzo industriale – non divulgato da Digital Aerolus – Huckaba ha dichiarato che Aertos 120-UVC dovrebbe iniziare la spedizione entro la fine del mese.

“Volevamo solo creare qualcosa che fosse utile per le persone. Diamo uno sguardo alle sale ospedaliere e agli aeroplani, ad esempio “, ha dichiarato in merito ai potenziali usi del prodotto, aggiungendo che la società svolge una parte importante del suo lavoro con le società di ingegneria con sede a Kansas City.

“Siamo in grado di pilotare questo drone all’interno di un aereo vuoto e disinfettare tavoli e sedili del vassoio. Siamo effettivamente in grado di farlo volare sotto i sedili per disinfettare quegli spazi o uccidere qualsiasi tipo di cattivo agente patogeno che si trovi in ​​questo spazio. ”

Una tale capacità potrebbe essere la cura per una preoccupazione comune per gli americani ancora obbligati a viaggiare durante la pandemia, ha detto Huckaba.

Il drone Aertos 120-UVC offre funzionalità di disinfezione UVC in aree quali:
• Strutture sanitarie (stanze dei pazienti, stanze d’ospedale e aree di attesa)
• Negozi di alimentari (spazi cassa)
• Magazzini e aree di movimentazione dei prodotti
• Aeroplani e mezzi pubblici (sedili e superfici esposte)
• Aree comuni di lavoro (servizi igienici, aree di lavoro, aree di sala di pausa)

“Diamo uno sguardo all’ambiente: serviamo industrie critiche. Questi droni stanno facendo lavori che non vorresti che un essere umano facesse. ”

La produzione di un volume crescente di droni nel mezzo della crisi sanitaria globale ha presentato al team Digital Aerolus una sfida a sé stante: guidare la produzione nelle trincee di un ordine di Stay At Home, ha spiegato Huckaba.

“Abbiamo rigorose linee guida di allontanamento sociale”, ha detto. “Facciamo molti dei nostri incontri ora nella nostra più grande sala conferenze per assicurarci che ci sia spazio adeguato intorno a noi. … Passiamo anche attraverso le poche salviette disinfettanti che possiamo trovare proprio come tutti gli altri a Kansas City. ”

Mentre il team di produzione del team sta a un metro di distanza, il suo staff tecnico e di ufficio è a casa, ha detto Huckaba.

“Ci ha colpito, ma con ciò detto, riconosciamo che ciò che stiamo facendo è essenziale per le persone che serviamo che mantengono il Paese in funzione e siamo determinati a procedere nel modo più sicuro possibile”, ha affermato.